Easyreading è il font usato per LV8, l’app di Fondazione Vodafone per coinvolgere i Neet in percorsi di formazione digitale

Pubblicato il

L’utilizzo del font EasyReading è sempre più universale. Fondazione Vodafone Italia ha deciso di adottarlo per LV8 (Level8), una nuova app per coinvolgere in percorsi di formazione digitale i giovani che non studiano e non lavorano, i cosiddetti Neet (Not in Education, Employment or Training). Dopo essere stato utilizzato in contesti culturali, editoriali e non solo, il font viene così scelto per aumentare il raggio d’azione di una comunicazione di ampia portata, ancor più importante in un momento storico come quello che stiamo vivendo. LV8, disponibile gratuitamente su App Store e Google Play e su www.lv8.eu, è interamente scritta con il carattere che, secondo diverse ricerche scientifiche, facilita la leggibilità dei testi per i soggetti con dislessia e accelera quella di tutti i restanti individui.

 

In Italia, primo Paese in Europa per incidenza, il fenomeno dei Neet ha colpito nel 2020 oltre 2 milioni di ragazzi. Strettamente collegato all’abbandono scolastico e successivamente alla difficoltà di trovare un impiego, il fenomeno è cresciuto anche per effetto della pandemia da Covid-19: i giovani sono tra i soggetti più colpiti perché si sentono esclusi dalla società rimanendo esposti a un maggior rischio di depressione. Lo sviluppo delle competenze digitali diventa dunque la chiave per tornare ad avere un ruolo attivo nella società e poter cogliere opportunità lavorative. Ed è per questo che Fondazione Vodafone ha deciso di investire in un progetto di formazione grazie alla tecnologia. LV8 è un’opportunità digitale, concreta, pratica e accessibile, che si dimostra adatta anche per i soggetti con dislessia, grazie all’utilizzo di EasyReading.

 

“Abbiamo creato un edugame aperto a tutti ma pensato soprattutto per i ragazzi che non studiano né lavorano, così che possano acquisire competenze digitali di base che sono sempre più richieste dalle aziende e possano tornare così a giocare un ruolo attivo nel lavoro e nella società in generale – afferma Adriana Versino, Consigliere delegato di Fondazione Vodafone Italia -. Il nostro obiettivo era di rendere LV8 accessibile a tutti e l’apporto del partner EasyReading è stato fondamentale per riuscirci: ci ha fornito un font speciale pensato per facilitare la lettura delle persone con difficoltà dell’apprendimento. In questo modo davvero tutti possano imparare, divertendosi, qualcosa in più sul mondo digitale. Nessuno escluso”.

“Non possiamo che essere molto entusiasti per questa notizia” ha detto il designer del font Federico Alfonsetti. “Sapere che il nostro font è stato scelto da una realtà come Fondazione Vodafone per un progetto di questa portata sociale dedicato ai giovani non può che renderci orgogliosi”.

 

LV8 è un “learning game” che permette attraverso l’esperienza del videogioco di acquisire conoscenze digitali di base e di alcuni applicativi. Con il superamento di 8 livelli di difficoltà crescente e sfide di vario genere, LV8 prevede il rilascio di 3 Open Badge, certificazioni digitali su blockchain che è possibile inserire nel curriculum vitae. Le competenze così acquisite – uso di Google e dei suoi applicativi Google Workspace, Canva per creare grafiche e post, basi di SEO, basi di Social Media Strategy, Fogli Google, introduzione ai CMS, introduzione al coding HTML e altro ancora – sono definite all’interno del DigComp 2.1, il quadro di riferimento europeo delle competenze digitali. Al livello 8 del gioco sono inoltre proposti test di autovalutazione, così che i ragazzi possano comprendere le proprie potenzialità, ed è possibile accedere a corsi gratuiti per approfondire ulteriormente le competenze digitali e altre opportunità promossi dai partner di LV8: Fondazione Cariplo, Binario F from Facebook, Generation Italy – fondazione nata da McKinsey & Company, Google e Repubblica Digitale.

 

Il percorso portato avanti da EasyReading, nella direzione di facilitare l’accesso alle informazioni (utili) da parte di un target di persone sempre più ampio, continua. Anche in questo frangente, grazie alla collaborazione con un’importante realtà.